-

-
La creazione ed il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

giovedì 4 agosto 2011

Prove per incriminare Bernanke, Geithner e Obama


Da:
EIR
utive Intelligence Review, anno 20 n. 31 - 4 agosto 2011

Esaminando gli atti dell'audizione di luglio della Federal Reserve press il Government Accountability Office, Lyndon LaRouche ha dichiarato che essi forniscono le basi per l'arresto del governatore Bernanke, del segretario al Tesoro Tim Geithner e dello stesso Presidente Obama, per aver concorso ad un gigantesco furto di denaro dei contribuenti allo scopo di finanziare i salvataggi bancari del 2008 e attualmente il salvataggio dell'Unione Monetaria Europea a di Wall Street.
Gli atti mostrano che nel marzo 2008 Bernanke invocò truffaldinamente una clausola di emergenza nel Federal Reserve Act, sostenendo che sulla base di "circostanze insolite e impellenti", per la prima volta dalla Grande Depressione la Fed potesse emettere prestiti d'emergenza a banche non ordinarie. La Fed quindi procedette ad elargire oltre 16 mila miliardi di dollari di prestiti di emergenza a banche di Wall Street e a banche straniere. Inoltre, la maggior parte della truffaldina "provvista d'emergenza" fu eseguita tramite i privati, guidati da JP Morgan Chase, Morgan Stanley e Wells Fargo, senza gare d'appalto e pagando fino a 660 milioni di dollari di commissioni.
A numerosi funzionari della Fed e agli intermediari private furono concesse liberatorie in bianco, permettendo loro di muoversi in flagrante conflitto d'interesse. All'audizione della Fed è stato citato il caso di William Dudley, ex economista di Goldman Sachs, ora presidente della Federal Reserve di New York, al quale fu concesso di mantenere la proprietà di azioni di AIG e General Electric nel momento in cui autorizzava centinaia di miliardi di prestiti d'"emergenza" alle stesse. In un altro esempio di gigantesco conflitto d'interesse, fu permesso al CEO di JP Morgan Chase di rimanere nel consiglio d'amministrazione della Fed di New York mentre la sua banca riceveva 390 miliardi di prestiti e fungeva da stanza di compensazione principale dell'intero programma di prestiti d'emergenza della Fed.
L'audizione del GAO è stata possibile grazie ad un emendamento della legge Frank-Dodd introdotto dal sen. Bernie Sanders e molto contrastato. Nonostante le conclusioni incriminanti e la cifra di 16 mila miliardi di dollari, la storia ha ricevuto poca o nulla attenzione sui media. Si paragona la cifra di 16 mila miliardi con i 4 mila miliardi di tagli al bilancio chiesti dalle agenzie di rating.
Proprio le agenzie di rating ci portano ad un'altra gravissima imputazione nei confronti del segretario al Tesoro Tim Geithner. All'audizione del 27 luglio della Commissione Servizi Finanziari della Camera, il presidente di Standard&Poor's David Sharma e altri hanno confermato che dal marzo scorso David Beers, capo del rating del credito sovrano di S&P, e Tim Geithner si sono scambiati un gran numero di emails sull'argomento del rating del debito americano; che Beers ha posto gli USA sotto "osservazione negativa" in aprile; e che Beers e Geithner hanno da allora avuto contatti frequenti e regolari.
Mentre le agenzie di rating minacciavano da mesi di ridurre il rating USA, all'inizio di luglio Beers se ne è uscito dicendo che anche se il Congresso avesse alzato il tetto del debito pubblico, ciò non sarebbe bastato a mantenere la tripla A per gli Stati Uniti, ma che ci sarebbe stato bisogno anche di un pacchetto di tagli di 4 mila miliardi nell'arco di un decennio. Immediatamente, il Presidente Obama si è catapultato nei negoziati con il Presidente della Camera, il capogruppo repubblicano John Boehner, proponendo quello che lui ha chiamato il "big deal", e cioè proprio 4 mila miliardi tra tagli e aumento delle imposte, e dicendo di essere disposto a "mettere la Social Security [le pensioni], Medicare e Medicaid [la mutua] sul tavolo".
Sul tavolo invece dovrebbero andarci le agenzie di rating, che sono finanziate dalle stesse banche di cui proteggono i rifiuti tossici. Nessun governo vero accetterebbe di farsi dettare il bilancio da tali agenzie.

RIFORMA DEL PROCESSO TRIBUTARIO

È URGENTE E IMPROCASTINABILE UNA VERA RIFORMA DEL PROCESSO TRIBUTARIO

Con le recenti misure economiche il legislatore ha compromesso seriamente il diritto di difesa del contribuente, costituzionalmente garantito (art. 24 della Costituzione), soprattutto dopo che sono state modificate le regole dell’accertamento esecutivo a far data dal 01 ottobre 2011.

Infatti, con un primo intervento (D.L. n. 70/2011, convertito in legge n. 106/2011), ha reso esecutivo l’avviso di accertamento (a far data dal 1° ottobre 2011) e limitato a 180 giorni la pronuncia del giudice per la sospensiva, pena il pagamento immediato del terzo della maggioreimposta accertata, anche su semplice base presuntiva.

Con un secondo intervento (D.L. n. 98/2011, convertito in legge n. 111/2011), il legislatore ha riordinato parzialmente la giustizia tributaria modificando le ipotesi di incompatibilità di cui all’art. 8 D.Lgs. n. 545/92. In particolare, a fronte di una generalizzata esclusione di tutti i professionisti iscritti ad un albo (avvocati, dottori commercialisti, consulenti del lavoro), si consente la partecipazione nei collegi giudicanti degli avvocati dello Stato a riposo e dei superispettori del fisco, compromettendo seriamente anche l’apparenza di terzietà ed imparzialità del giudice tributario nei confronti del cittadono-contribuente.

Con dette modifiche di fatto il legislatore ha reso difficile il diritto di difesa del cittadino-contribuente che, con la riduzione drastica dei termini per le sospensive (180 giorni) nonché la inevitabile paralisi certa della giustizia tributaria a seguito delle ipotesi di incompatibilità tout-court,difficilmente potrà evitare il pagamento delle maggiori imposte accertate, anche presuntivamente.

Le suddette riforme mettono seriamente in pericolo i principi di autonomia ed indipendenza della magistratura tributaria e ne travolgono l’attuale assetto in modo irrazionale ed incostituzionale.

In definitiva, con le attuali modifiche, potremmo avere collegi giudicanti composti da magistrati militari - magistrati contabili - avvocati dello Stato a riposo - ispettori tributari - casalinghe con la laurea in giurisprudenza o in economia e commercio conseguita da almeno due anni - ufficiali della Guardia di Finanza cessati dalla posizione di servizio permanente effettivo prestato per almeno dieci anni - pensionati;- imprenditori - agenti di assicurazioni - commercianti - artigiani - docenti scolastici - magistrati onorari; - giudici di pace.

Bisogna tener conto che, attualmente, la composizione delle C.T. è del 23,9% di magistrati togati e del 76,1% di giudici non togati.

Pertanto è necessario modificare tale stato di fatto e, anche in prospettiva della generale riforma fiscale, è importante riformare totalmente e seriamente il processo tributario per consentire un efficace esercizio del diritto di difesa costituzionalmente garantito.

I principi da rispettare sono i seguenti:

- dipendenza delle Commissioni tributarie dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e non più dal Ministero dell’economia e delle finanze, che è una delle parti in causa ed ha interesse a non volere un “vero” processo dove il contribuente possa efficacemente difendersi, senza limitazioni, dinanzi ad un giudice terzo, indipendente ed imparziale, anche all’apparenza;

- il giudice tributario deve essere a tempo pieno e con specifica competenza professionale, tenuto conto della difficoltà e particolarità della materia fiscale e non si può consentire, come oggi, che, per esempio, una semplice casalinga con la laurea in giurisprudenza o ineconomia e commercio presa da almeno due anni possa comporre un collegio giudicante;

- il giudice tributario deve essere adeguatamente pagato e non umiliato, come oggi, con € 25 a sentenza depositata, pagati a distanza di anni e senza più tassazione separata;

- le parti (pubbliche e private) devono essere poste sullo stesso piano processuale e senza limitazioni nella fase istruttoria,

- la norma deve prevedere la possibilità di conciliare anche in grado di appello, logicamente riparametrando le sanzioni, nonché lapossibilità di ottenere le sospensive anche in grado di appello, per evitare una buona volta per tutte il contrasto interpretativo recente tra la Corte Costituzionale ed alcuni giudici di merito che ancora oggi negano in grado di appello la sospensiva delle sentenze impugnate;

- in prospettiva della riduzione dei riti processuali prevista dal nuovo codice di procedura civile, il processo tributario deve essere disciplinato e gestito come un “vero” processo ordinario, con l’auspicio, peraltro, che possa essere inserito nella riforma della Costituzione.

L'attuale strategia del Ministero dell’economia e delle finanze, con le recenti norme intrdotte, è quella di costringere il contribuente a pagare o conciliare senza dover ricorrere al giudice tributario e il cittadino-contribuente rischia di trovarsi dinanzi a giudici non professionalmente competenti ed in aggiunta con sensibili limiti istruttori nella fase difensiva.

Le Commissioni tributarie non devono fare cassa a tutti i costi ma decidere con giustizia, competenza, equilibrio ed indipendenza da qualsiasi parte processsuale.

Necessita pertanto, e con urgenza, una vera e completa riforma strutturale della giustizia tributaria, con giudici tributari professionalmente competenti, a tempo pieno, senza limitazione a diritto di difesa e, soprattutto, senza il controllo e la gestione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che è una delle parti in causa.

Renato Brillo

Fronte comune: gli Usa e la destrutturazione


Occorre liberarsi al più presto dal dominio anglo-statunitense e dalle loro servitù monetarie e militari

Fronte comune: gli Usa e la destrutturazione planetaria delle nazioni


Rinascita, 2 Agosto 2011

Attraverso un asfissiante ed ossessivo ricatto mediatico, opportunamente messo in campo dai soliti noti, tutto il mondo è stato tenuto con il fiato sospeso in attesa dell’esito scontato del duello tra democratici e repubblicani in atto negli Stati Uniti d’America, Stati Uniti che qualcuno che conosceva bene la situazione interna, ebbe a definire - in epoca non sospetta - l’unico paese al mondo che è passato dalla barbarie alla decadenza senza attraversare un solo giorno di civiltà. Ha avuto un senso tutto ciò?
E, in definitiva, qual è stato il vero motivo del contendere? Strano a dirsi e paradossale ad ammetterlo ma si tratta soltanto di legalizzare una funzione giuridica attraverso formule diverse dove però il problema di fondo, non solo è rimasto, a intesa raggiunta, irrisolto ma non viene proprio affrontato nelle sue cause scatenanti che altro non sono che cause da ricercare all’interno del “sistema americano”.
Alzare il livello di debito ammesso e consentito attraverso l’emissione di altra moneta a debito, significa continuare ad invadere il mondo con carta straccia chiamata dollaro che, per convenzione imposta unilateralmente con le armi, è lo strumento che regola le transazioni commerciali e finanziarie a livello planetario; e nemmeno il tanto decantato Obama si arrischia a fare l’unica mossa utile, la nazionalizzazione della Federal Reserve per il recupero della sovranità monetaria!
E tutto ciò comporta, da parte della cricca usurocratica anglosassone, di poter continuare a scaricare gli effetti del debito sugli altri arricchendosi e destabilizzando contestualmente la vita politica ed economica dei popoli e delle nazioni rese schiave con la forza delle armi e con il ricatto economico.
A rendere ancora più drammatica la situazione il fatto che i popoli sono volutamente tenuti all’oscuro sul meccanismo perverso del signoraggio e dell’usura da parte di una classe politica di governo e di opposizione servile ed in stato di totale sudditanza nei confronti della cupola plutocratica.
L’Italia sta vivendo uno dei suoi momenti peggiori in cui il masochismo e la rassegnazione sono gli stati d’animo dominanti di un popolo sottoposto ad una serie di provvedimenti punitivi finalizzati ad un progressivo impoverimento economico e morale ed alla perdita definitiva ed irreversibile della propria identità nazionale.
Assiste impotente e senza reagire alla destrutturazione dell’organismo “stato-nazione”, che è l’obiettivo finale di quel mostro senza volto e senza patria che vuole dominare il pianeta.
In tale contesto non c’è che da prendere atto che occorre aprire - senza indugio - la successione ai sistema politico-istituzionale imposto all’Italia dai vincitori della II Guerra mondiale, se vogliamo ancora sperare di poter vivere da uomini liberi.
Il lungo dopoguerra è durato anche troppo! Si tratta soltanto, da parte delle componenti di quel “Fronte Comune” che si sta coagulando attorno a “Rinascita”, di verificare se lo stesso sarà all’altezza di rivendicare il diritto alla successione. Liberiamoci dai liberatori, il nostro grido di battaglia, ma non solo: definiamo al più presto i “postulati” per un’azione politica costruttiva.

Maurizio Canosci
Stelvio Dal Piaz
arezzo