-

-
La creazione ed il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

lunedì 5 marzo 2012

Napolitano è figlio del Re Umberto II



Pochi lo sanno, anzi in Italia sono in molti ma tacciono, ma quando la gente scherzando allude al fatto che il Presidente Napolitano sembra il figlio di Re Umberto II tanto ne è il sosia, sbaglia.Nel senso che Napolitano non sembra, E' il figlio naturale del nostro ultimo Re. Sua madre contessa di Napoli (titolo che da buon comunista ha sempre accuratamente nascosto come Berlinguer faceva con il suo titolo di marchese ) era una delle dame di compagnia della regina Maria Josè che a volte, esasperata dalla folla di amanti del Re (in genere donne ) gli piazzava rappresaglie gigantesche e se ne andava (notoriamente innamorandosi forse una sola volta: di Indro Montanelli che da grandissimo signore si è sempre rifiutato anche solo di discutere l'argomento ) In una di queste prolungatissime assenze la dama di compagnia di Maria Josè lo divenne anche del Re, al punto che ne nacque il prestigioso pargolo. Questo accadimento,confermatomi in una intervista registrata che ancora conservo da uno dei comunisti più informati e anche per bene che abbia mai consciuto Ciro Soglia (grande giornalista,grande partigiano ) costò l'elezione a segretario del PCI al nostro attuale Presidente. Quando Betlinguer morì all'improvviso anche un focomelico avrebbe capito che il PCI disponeva di due sofisticati colti rassicuranti fuoriclasse per scalare fin da allora le paure della borghesia: l'ex sindaco di Bologna Renato Zangheri e il nostro attuale primo cittadino. Invece si suicidarono eleggendo l'ultima raffica di Stalin all'interno del PCI : Natta, pedante, tardoleninista, gufaceo, impresentabile. Come fu possibile? E' molto semplice. L'ex sindaco di Bologna aveva da tempo una incredibile storia segreta (preberlusconiana osiamo dire ) con la nobile moglie di uno dei più rampanti industriali italiani, Napolitano era il figlio genetico del Re. Due giganteschi scheletri nell'armadio che il partito temeva sarebbero saltati fuori se la stampa internazionale avesse iniziato a scavare a fondo nelle loro vite come scontato se eletti segretario. Quindi elessero la continuità perbenista , una continuità ideologicamente già incartapecorita, quasi commoventemente grottesca, come nel caso di Natta. Un errore di valutazione che ritardò forse di vent'anni la loro trasformazione in forza governativa.

28 commenti:

  1. Ricordo tanti anni fa' , mentre passeggiavo per Corso Umberto a Napoli, in attesa di sostenere il mio primo esame di Medicina (Psicologia Medica), mi soffermai davanti ad una vetrina di studio fotografico. Vi erano in bella mostra foto di uomini dello spettacolo e politici. Militavo, illo tempore, nel PCI (non rinnego il passato, ma son ben felice di non appartenere piu' a sigle di sinistra, centro e destra, mere indicazioni stradali) e rimasi affascinato dalle foto dei deputati comunisti. Chiesi quanto costasse la foto di Napolitano. Il proprietario mi chiese: "Chi dotto', o' figlio du Rre". Allora non capii, poi negli anni successivi cominciai a capirne di più . La foto non l'acquistai . Costava troppo per uno studente, anche se mi avevano chiamato "dotto'"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se è vero ed io ci credo,chi lo ha messo lì sapeva e lo ha faTTO LO STESSO CHE VUOL DIRE, CHE IL PD è UN PARTITO BORGHESE DELLA CASTA, E CHE DEVE SPARIRE, ODDIO SI CHIAMI CASTA,MA NON è EREDE DEL PC

      Elimina
    2. cara anna..io ci ho sempre creduto e..i conti tornano..rifletti bene

      Elimina
    3. perchè avete ancora qualche dubbio,addirittura è meglio berlusca,ed è tutto dire

      Elimina
    4. Ci vuole l'esame del DNA, per sciogliere ogni dubbio se viviamo in una Repubblica o in una Monarchia mascherata da Repubblica democratica
      http://youtu.be/bM06IfaZq_E

      Elimina
  2. fonti dalle quali confermare questo fatto?

    RispondiElimina
  3. E' fantasia pura, ciò che è riportato sulla ascedenza naturale del Presidente: è a tutti arcinoto che re Umberto II non avesse una grande esuberanza virile, tant'è che si fecero non poche illazioni sulla sua discedenza, parlando di fecondazione assistita per la nascita della principessa Maria Pia e sollevando seri dubbi sulla paternità degli altri figliuoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pur di dire che i comunistri sono puliti, si nega anche l'evidenza e vabbè!!!

      Elimina
    2. ma è arcinoto che il "Re di Maggio" era gay, tant'è che nelle alte sfere del fascismo il Principe Umberto era chiamato "stelassa", per non parlare del fatto che la prima notte di nozze anzichè passarla con la Principessa Maria Josè la passò con alcuni suoi "amichetti".
      se invecie volete un vero scoop , ve lo dico io Napolitano è stato l'uomo messo dalla CIA all'interno del maggiore partito comunista dell'europa occidentale e ancora ai giorni nostri ha lavorato per la CIA come il golpe avvenuto un anno fa con Monti ne è la riprova.

      Elimina
    3. ci sono gay che riescono a procreare, ci sono gli ambosex

      Elimina
  4. http://carlobertani.blogspot.com/2010/03/lettera-aperta-sua-maesta-vittorio.html

    RispondiElimina
  5. bisognerebbe ritrovare la prima pagina dell'Unità che celebrava lìelezione del Presidente con la frase "finalmente uno di noi sul colle" o qualcosa di siile, ma in un angolo c'era la foto di Emanuele Filiberto a sanremo...

    RispondiElimina
  6. Che importanza avrebbe l'essere o meno il figlio illegittimo di Re Umberto II°? Direi nessuno, visto che i riconociuti (indipendentemente dal sesso di appartenenza) non hanno dato grande prova di nobiltà per cui non ci resta che sperare negli illegittimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si dice figlio naturale, e tra poco figlio e stop

      Elimina
    2. Proverebbe, assieme a questo video, l'esistenza di un'organizzazione, ed il suo meccanismo, per scardinare il Partito COmunista dal suo interno al fine di tornare a sfruttare e sottomettere i lavoratori, togliendo loro i diritti pagati col sangue, per aumentare i loro profitti da capitalisti.
      https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=zel6Ndw91_o

      Elimina
    3. E' lo stesso discorso dei presidenti americani,tutti o quasi figli dei rothschild,usando le stesse tecniche,dà l'idea della presa in giro che subiamo,da sampre.Ma tanto la gente dorme,buonanotte.

      Elimina
  7. Vero e verificato da fonti certe. Rettifico solo alcune imprecisioni: all'epoca Umberto non era ancora sposato ed era un (piuttosto gaudente) principe ereditario, ancora giovane, sembra poco più della nobildonna che rese pregna, appartenente a una delle più note ed eminenti famiglie di duchi napoletani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma una foto del apdre di napolitano quello pubblico dove posso trovarla,ma la somiglianza è notevole,per me è suo figlio si

      Elimina
  8. Quand'anche fosse vero, l'articolo contiene un'imprecisione: la madre di Napolitano poteva anche essere la dama di compagni della regina, e persino l'amante del Re, ma l'attuale Presidente non può essere figlio di una scappatella extraconiugale, per il semplice fatto che è nato nel 1925, mentre Umberto II si sposò nel 1930.
    Tutt'al più, potrebbe essere frutto di un amore giovanile!

    RispondiElimina
  9. Non intendo accendere alcuna discussione in merito, non avendo nemmeno fonti attendibili, perlomeno scritte..ma un dubbio mi sorge.
    Premetto che ero iscritto ai giovani comunisti, fine anni 90, per 3 o forse 4 anni di seguito.. era quasi una moda per i miei compagni di liceo, ma oggi, astemio da ogni forma e colore politico, vorrei raccontarvi un aneddoto di circa 15 anni fa, quando, nei paesi vesuviani, e ancor di più nell'agro nolano, era quasi moda essere "comunisti" quando ancora si era senza barba, anche se poi le scelte politiche della regione e provincia di napoli non confermano..
    Il presidente napolitano è cresciuto a Cimitile (NA), comune vicino Nola, a 40 KM dalla città di Napoli.. famiglia modesta la sua, nessuna contessa come madre (a questo punto mi viene il dubbio che lui fosse stato cresciuto da una umile amica di famiglia), ma gli adulti del periodo, oggi anziani suoi coetanei, confermano quanto già si diceva.. il presidente si è fatto da solo (cioè senza aiuti di Casta).. raccogliendo anche le nocciole, quando era ancora ragazzo, come tutti i ragazzi di allora e come ancora oggi succede a tutte quelle persone di origine contadina, in terre di nocciole e noci.
    Siamo quindi sicuri del suo sangue reale??? quali sono le fonti certe??
    Mesi fa ne ho parlato con amico di Cimitile, il quale prontamente mi contraddetto e riso in faccia (magari ne è persuaso, chi può dirlo??) poiché la sua famiglia è stata vicina di casa di quella di Giorgio e sua madre se lo ricorda benissimo... anche con le pezze al culo (modo di dire)!!

    RispondiElimina
  10. E adesso cosa debbo fare? Cosa cambia nel panorama governativoe legislativo?Mi vengono ridotte le tasse? ALLORA.."ma chi se ne fotte" ????

    RispondiElimina
  11. Ma "focomelico" sai cosa vuol dire? Perchè un focomelico non dovrebbe capire qualcosa?

    RispondiElimina
  12. Si racconta che quando fu eletto Presidente per la prima volta, nei corridoi del Quirinale, dove ancora ci sono impiegati figli di impiegati dei tempi del Re (prima era molto facile "passare" il posto al proprio figlio), si scherzava sorridendo e mormorando: " è tornato a casa...".

    RispondiElimina
  13. Pezze al culo?
    Cimitile?
    Nocciole??

    "Giorgio Napolitano Nasce a Napoli da Giovanni, avvocato liberale, poeta e saggista, originario di Gallo di Comiziano (Napoli), e da Carolina Bobbio, figlia di professionisti napoletani di origine piemontese.[4] Dal 1938 al 1941 studia al Liceo Classico Umberto I di Napoli, dove frequenta quarta e quinta ginnasio per poi saltare alla seconda liceo (erano gli anni della guerra). Nel dicembre del 1941 si trasferisce con la sua famiglia a Padova e lì si diploma presso il liceo Tito Livio.[5] Nel 1942 si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli".
    Non so se Napolitano sia o meno figlio naturale del ventunenne (nel 1925) Umberto di Savoia,personalmente tenderei ad escluderlo,ma di certo la sua non era affatto una famiglia modesta.

    RispondiElimina
  14. GENEALOGIA DI GIORGIO NAPOLITANO DI SAVOIA


    148971_423935554286059_100000088540035_1646754_1842644215_n.jpg

    Fotografia a bassa risoluzione trovata e riportata legalmente nella e dalla Rete, e riportante frase non pronunciata né formulata dal sottoscritto, che la riporta come potrebbe riportare una frase pronunciata contro qualunque altra persona, sezna per questo avere alcuna responsabilità legale per eventuali contenuti offensibili o perseguibili ai sensi della legge contro il "vilipendio al Capo dello Stato" (reato inventato dal regime totalitario fascista mussoliano per imbavagliare i liberi pensatori e anche tutti gli altri cittadini che ogni tanto si ricordano di accendere il cervello).
    Il Re d'Italia Vittorio Emanuele II di Savoia (vicino alla Massoneria), con la Regina Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena (membro della Stirpe), generò Maria Pia di Savoia, moglie di Re Luigi I di Portogallo, Clorilde di Savoia, moglie di Napoleone Girolamo Bonaparte, e il Re d'Italia Umberto I di Savoia (membro della Massoneria), che, con la Regina Margherita di Savoia-Genova, generò il Re d'Italia Vittorio Emanuele III di Savoia (membro della Massoneria), che, con la Regina Elena del Montenegro, generò il Re d'Italia Umberto II di Savoia, fascista mussoliniano, che, con la Regina Maria José, generò Vittorio Emanuele (IV) Alberto Carlo Teodoro Umberto Bonifacio Amedeo Damiano Bernardino Gennaro Maria di Savoia (membro della Massoneria, della loggia segreta, coperta, illegale, incostituzionale e fascista mussoliniana Propaganda 2, P2, del Gran Maestro Venerabile Conte Licio Gelli, fascista mussoliniano e franchista, del Grande Oriente d'Italia, G.O.I.), che, con Marina Ricolfi Doria, generò Emanuele Filiberto Umberto Reza Ciro René Maria di Savoia (membro della Massoneria), berlusconiano, che, con Clotilde Courau, generò Vittoria di Savoia e Luisa di Savoia. Ma il Re d'Italia Umberto II di Savoia, con la Contessa di Napoli, generò inoltre, come figlio illegittimo, il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano (di Savoia) (membro della Massoneria e dell'Aspen Institute), che, con Clio Maria Bittoni, generò Giovanni Napolitano (di Savoia) e Giulio Napolitano (di Savoia).
    Andrea Di Lenard
    https://web.archive.org/web/20120927094133/http://conoscenzaliberta.myblog.it/genealogia-degli-illuminati/

    RispondiElimina
  15. Se è evidente la somiglianza fra Giorgio Napolitano e Umberto II di Savoia, lo è ancora di più quella fra uno dei figli di Napolitano (non ricordo quale) ed Umberto stesso, guardate le foto: due gocce d'acqua!

    RispondiElimina
  16. No magari le tasse non calano,ma se vi sveglatei un pò,forse le cose cambiano (Carolina Bobbio, figlia di professionisti napoletani di origine piemontese)

    RispondiElimina