-

-
La creazione ed il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

domenica 3 novembre 2013

The Irish long history of being tyrannized, exploited, and oppressed

The Bank Guarantee That Bankrupted Ireland

The Irish have a long history of being tyrannized, exploited, and oppressed—from the forced conversion to Christianity in the Dark Ages, to slave trading of the natives in the 15th and 16th centuries, to the mid-nineteenth century “potato famine” that was really a holocaust. The British got Ireland’s food exports, while at least one million Irish died from starvation and related diseases, and another million or more emigrated.
Today, Ireland is under a different sort of tyranny, one imposed by the banks and thetroika—the EU, ECB and IMF. The oppressors have demanded austerity and more austerity, forcing the public to pick up the tab for bills incurred by profligate private bankers.
The official unemployment rate is 13.5%—up from 5% in 2006—and this figure does not take into account the mass emigration of Ireland’s young people in search of better opportunities abroad. Job loss and a flood of foreclosures are leading to suicides. A raft of new taxes and charges has been sold as necessary to reduce the deficit, but they are simply a backdoor bailout of the banks.
At first, the Irish accepted the media explanation: these draconian measures were necessary to “balance the budget” and were in their best interests. But after five years of belt-tightening in which unemployment and living conditions have not improved, the people are slowly waking up. They are realizing that their assets are being grabbed simply to pay for the mistakes of the financial sector.
Five years of austerity has not restored confidence in Ireland’s banks. In fact the banks themselves are packing up and leaving. On October 31stRTE.ie reported that Danske Bank Ireland was closing its personal and business banking, only days after ACCBank announced it was handing back its banking license; and Ulster Bank’s future in Ireland remains unclear.
The field is ripe for some publicly-owned banks. Banks that have a mandate to serve the people, return the profits to the people, and refrain from speculating. Banks guaranteed by the state because they are the state, without resort to bailouts or bail-ins. Banks that aren’t going anywhere, because they are locally owned by the people themselves.
The Folly of Absorbing the Gambling Losses of the Banks
Ireland was the first European country to watch its entire banking system fail.  Unlike the Icelanders, who refused to bail out their bankrupt banks, in September 2008 the Irish government gave a blanket guarantee to all Irish banks, covering all their loans, deposits, bonds and other liabilities.
At the time, no one was aware of the huge scale of the banks’ liabilities, or just how far the Irish property market would fall.
Within two years, the state bank guarantee had bankrupted Ireland.  The international money markets would no longer lend to the Irish government.
Before the bailout, the Irish budget was in surplus. By 2011, its deficit was 32% of the country’s GDP, the highest by far in the Eurozone. At that rate, bank losses would take every penny of Irish taxes for at least the next three years.
“This debt would probably be manageable,” wrote Morgan Kelly, Professor of Economics at University College Dublin, “had the Irish government not casually committed itself to absorb all the gambling losses of its banking system.”
To avoid collapse, the government had to sign up for an €85 billion bailout from the EU-IMF and enter a four year program of economic austerity, monitored every three months by an EU/IMF team sent to Dublin.
Public assets have also been put on the auction block. Assets currently under consideration include parts of Ireland’s power and gas companies and its 25% stake in the airline Aer Lingus.
At one time, Ireland could have followed the lead of Iceland and refused to bail out its bondholders or to bow to the demands for austerity. But that was before the Irish government used ECB money to pay off the foreign bondholders of Irish banks. Now its debt is to the troika, and the troika are tightening the screws.  In September 2013, they demanded another 3.1 billion euro reduction in spending.
Some ministers, however, are resisting such cuts, which they say are politically undeliverable.
In The Irish Times on October 31, 2013, a former IMF official warned that the austerity imposed on Ireland is self-defeating. Ashoka Mody, former IMF chief of mission to Ireland, said it had become “orthodoxy that the only way to establish market credibility” was to pursue austerity policies. But five years of crisis and two recent years of no growth needed “deep thinking” on whether this was the right course of action. He said there was “not one single historical instance” where austerity policies have led to an exit from a heavy debt burden.
Austerity has not fixed Ireland’s debt problems. Belying the rosy picture painted by the media, in September 2013 Antonio Garcia Pascual, chief euro-zone economist at Barclays Investment Bank, warned that Ireland may soon need a second bailout.
According to John Spain, writing in Irish Central in September 2013:
The anger among ordinary Irish people about all this has been immense. . . . There has been great pressure here for answers. . . . Why is the ordinary Irish taxpayer left carrying the can for all the debts piled up by banks, developers and speculators? How come no one has been jailed for what happened? . . . [D]espite all the public anger, there has been no public inquiry into the disaster.
Bail-in by Super-tax or Economic Sovereignty?
 In many ways, Ireland is ground zero for the austerity-driven asset grab now sweeping the world. All Eurozone countries are mired in debt. The problem is systemic.
In October 2013, an IMF report discussed balancing the books of the Eurozone governments through a super-tax of 10% on all households in the Eurozone with positive net wealth. That would mean the confiscation of 10% of private savings to feed the insatiable banking casino.
The authors said the proposal was only theoretical, but that it appeared to be “an efficient solution” for the debt problem. For a group of 15 European countries, the measure would bring the debt ratio to “acceptable” levels, i.e. comparable to levels before the 2008 crisis.
[T]he report right away debunks the myth that politicians and main stream media try to sell, i.e. the crisis is contained and the positive economic outlook for 2014.
. . . Prepare yourself, the reality is that more bail-ins, confiscation and financial repression is coming, contrary to what the good news propaganda tries to tell.
A more sustainable solution was proposed by Dr Fadhel KaboubAssistant Professor of Economics at Denison University in Ohio. In a letter posted in The Financial Times titled “What the Eurozone Needs Is Functional Finance,” he wrote:
The eurozone’s obsession with “sound finance” is the root cause of today’s sovereign debt crisis. Austerity measures are not only incapable of solving the sovereign debt problem, but also a major obstacle to increasing aggregate demand in the eurozone. The Maastricht treaty’s “no bail-out, no exit, no default” clauses essentially amount to a joint economic suicide pact for the eurozone countries.
. . . Unfortunately, the likelihood of a swift political solution to amend the EU treaty is highly improbable. Therefore, the most likely and least painful scenario for [the insolvent countries] is an exit from the eurozone combined with partial default and devaluation of a new national currency. . . .
The takeaway lesson is that financial sovereignty and adequate policy co-ordination between fiscal and monetary authorities are the prerequisites for economic prosperity.
Standing Up to Goliath
 Ireland could fix its budget problems by leaving the Eurozone, repudiating its blanket bank guarantee as “odious” (obtained by fraud and under duress), and issuing its own national currency. The currency could then be used to fund infrastructure and restore social services, putting the Irish back to work.
Short of leaving the Eurozone, Ireland could reduce its interest burden and expand local credit by forming publicly-owned banks, on the model of the Bank of North Dakota. The newly-formed Public Banking Forum of Ireland is pursuing that option. In Wales, which has also been exploited for its coal, mobilizing for a public bank is being organized by the Arian Cymru ‘BERW’ (Banking and Economic Regeneration Wales).
Irish writer Barry Fitzgerald, author of Building Cities of Gold, casts the challenge to his homeland in archetypal terms:
The Irish are mobilising and they are awakening. They hold the DNA memory of vastly ancient times, when all men and women obeyed the Golden rule of honouring themselves, one another and the planet. They recognize the value of this harmony as it relates to banking. They instantly intuit that public banking free from the soiled hands of usurious debt tyranny is part of the natural order.
In many ways they could lead the way in this unfolding, as their small country is so easily traversed to mobilise local communities.  They possess vast potential renewable energy generation and indeed could easily use a combination of public banking and bond issuance backed by the people to gain energy independence in a very short time.
When the indomitable Irish spirit is awakened, organized and mobilized, the country could become the poster child not for austerity, but for economic prosperity through financial sovereignty.
_____________________
Ellen Brown is an attorney, president of the Public Banking Institute, and author of twelve books, including the best-selling Web of Debt. In The Public Bank Solution, her latest book, she explores successful public banking models historically and globally. Her blog articles are at EllenBrown.com.

Duello Blondet-Fanelli: 1 a 0 .


Il superstato-canaglia senza freni


 Text size
...Riporto qui un pezzo di Uriel Fanelli: uno che una volta o due s’è occupato di me per darmi del nazifascista genocida di ebrei, ma non gliene voglio; ha un angolo cieco nell’anima. Adesso sfido i suoi insulti perché questa sua rivelazione è di essenziale importanza e ciascuno deve prenderne coscienza – possibilment i politici, se ce n’è ancora qualcuno. Leggete e poi, sotto, il mio commento. (MB)

Il gratis che uccide
Uriel Fanelli 

Forse molti di voi si sono accorti di un atteggiamento allarmato da parte mia. Non tanto per PRISM, quanto per tutte le sue implicazioni. Ho motivo per allarmarmi? Essenzialmente si. Si tratta di dialoghi estemporanei che ho con persone che non sono -grandissimi- manager, ma sono pur sempre dei product owners, gente che manda avanti singoli "prodotti". Per intenderci, "google maps" e' un "prodotto" e dentro Google ha un "product owner" , un manager che lo gestisce.
Nella mia posizione , parlo coi product owners di applicativi che usano il nostro plesso per comunicare, circa 370. Cosi', quando ci scappa la cena per il lancio di un prodotto , o di una nuova versione, mi capita di avere dei dialoghi interessanti. E allarmanti.
La settimana scorsa, per dire, parlavo con il product owner di un prodotto che verra' lanciato , che e' un sistema di billing. Si, usare il cellulare come carta di credito e bancomat. E' un progettone grande, con due dozzine di vendor coinvolti, e ancora piu' tenants che vogliono aprire canali di vendita. Hanno circa 60 , solo tecnici, per l'integrazione, piu' tutta la parte di progetto, sviluppo, project management. Un progettone da 200 FTE per due anni, nel mondo telco, si nota. 
Si parlava, per via del mio lavoro, di forecast di traffico, ovvero di quanti utenti, quanto uso, eccetera. Mi serve per dimensionare il nostro sistema. Il dialogo e' stato circa questo:

Uriel: Allora, avete dei forecast di traffico?
PO: si, sappiamo che , se lanciamo prima di Natale, avremo tot e tot di traffico.
Uriel: beh, e' una bella partenza. Avete idea di come possa sviluppare dopo?
PO: non facciamo piu' proiezioni, come una volta, per via degli Over The Top.
Uriel: cioe'?
PO: prendi per esempio il progetto <anti theft> , quello per cancellare i cellulari rubati o per localizzarli. Quelli che abbiamo fatto insieme a <grande casa di sicurezza>. Appena Google ha visto che noi ed altri facevamo soldi , hanno fatto la stessa cosa GRATIS. E arriva di default su OGNI android.GRATIS
Uriel: ma che senso ha per Google dare gratis qualcosa con cui si fanno soldi?
PO: ha il senso di sbatterci fuori dal mercato.
Uriel: ma sbattendo fuori dal mercato i concorrenti non fai cash flow. Non ti entrano soldi. Come finanziano questi progetti?
PO: quando google annuncia il suo prodotto, il "mercato" in borsa lo premia sempre con un fiume di soldi. Un fiume senza senso.
Uriel: e quando lo annunciate voi?
PO: non ci capiamo. A comprare le azioni di google con qualsiasi scusa buona, anche se annunciano una nuova receptionist bionda nella sede centrale, e' la FED. Stampanosoldi e li buttano cosi'. Noi abbiamo solo il normale mercato finanziario.
Uriel: ah. Ma cosi' come fate coi nuovi prodotti?
PO: non ci saranno nuovi prodotti consumer dopo questo. Noi, e quasi tutte le telco, stiamo uscendo dal mondo del VAS consumer. Questo, per noi, e' l'ultimo. 
PO2: e non dimenticare che gli americani sono molto interessati a dati sulle transazioni finanziarie. Appena Google fara' il suo prodotto uguale al nostro, il governo gli paghera' uno, due miliardi di dollari all'anno per avere i dati. Potranno offrirlo GRATIS e SENZA alcun costo o commissione.

Adesso ce l'ho chiaro: compagnie come twitter, che hanno ricevuto prestiti da UN MILIARDO DI DOLLARI senza neanche avere un business model, (1) offrono gratis servizi che a chi sta su un mercato normale, ove le cose costano, costano.

Tante telco hanno provato ad introdurre servizi di microblogging, ma nessuna aveva dietro prestiti da UN MILIARDO DI DOLLARI, e quindi non poteva competere.

Andiamo a seconda discussione con PO, questa volta e' una delle tante case automobilistiche che, come da direttiva UE, dovranno installare una microsim in OGNI auto , per chiamate di emergenza e crash reaction.Uriel, come al solito, ha bisogno di una previsione del traffico.

Uriel: allora, che forecast avrete? So che volete entrare nel mercato gia' prima del 2015....
PO: vero. Copriremo subito tutti i nuovi modelli, e tra OTA per l'abilitazione e blablabla <dettagli tecnici inutili qui> il nostro traffico sara' tot. Con lo SLA tot. E availability tot.
Uriel: fischia. E come cresce fino al 2015?
PO: fino al duemilaquindici ci sara' questo rampup, con un ovvio picco quando si trattera' di installare le scatoline sulle auto, come obbligo.
Uriel: pero' . Ok. Per curiosita', avete delle simulazioni anche per dopo il 2015?
PO: non facciamo piu' questo tipo di simulazioni, cosi' a lungo termine. Non sappiamo nemmeno se ci saremo ancora.
Uriel: ok, so benissimo che nessuno prevede il mercato cosi' a lungo. Mi chiedevo solo se aveste almeno a spanne un'idea.
PO: no, davvero. Non sappiamo davvero se ci saremo ancora.
Uriel: eh? Mi sembra un pochino difficile che qualcuno vi scalzi...
PO: per niente. Potrebbero dare le auto gratis.
Uriel: eh?
PO: hai presente quando compri una stampante? Paghi 20 euro una stampante, e poi loro si rifanno sulle cartucce. Sul materiale di consumo.
Uriel: ah. E vogliono farlo con le auto?
PO: si. Con quelle elettrica. La <casa di auto elettriche USA> sta prendendo contatti con banche, per un finanziamento enorme. Produrra' auto che daranno GRATIS, e si rifaranno sulla batteria e sulle altre parti di consumo , tipo i pneumatici, o altro.
Uriel: ma a parte la batteria....
PO: mica tanto. Il motore elettrico puo' anche stare dentro la ruota stessa, e allora la ruota andra' mandata in manutenzione: sai, gli urti, l'acqua, lo sfasamento: ogni tanto dovrai fargli manutenzione, se vuoi quattro ruote che girino all'unisono. Anche quelle saranno beni di consumo. Come la batteria.
Uriel: e perche' non lo fate anche voi? Avete anche voi le auto elettriche.
PO: perche' per dare un'auto gratis a tutti, e recuperare i costi in dieci anni, servirebbero 20-30 miliardi di euro: occorre prima farle, ‘ste auto. Poi col tempo si va a break even. Ma se ci presentiamo a chiedere 30 miliardi di euro a dieci anni, i mercati ci ridono in faccia.
Uriel: e a <casa di auto elettriche USA> non ridono in faccia?
PO: no, perche' loro si presentano a banche che fanno venture capital, che poi producono bond, che poi il governo (la FED) gli compra in contanti, stampando soldi.
Uriel: e non c'e' modo di avere soldi qui in Europa, per qualcosa del genere?
PO: tra noi, e <grande casa tedesca di automobili> servirebbero 200 miliardi di euro per fare una cosa simile. Stiamo parlando di una cosa tipo "da domani si regalano auto", capisci? Tutto il mercato cancellato. E poi occorre costruire la filiera e la distribuzione e l'item management delle parti.
Uriel: quindi non scherzavate?
PO: no, sul serio. Potremmo anche non esserci piu'. Non hai notato un certo calo nello sviluppo di nuovi modelli?

Ora, quando cominciano a farvi dei discorsi del genere, iniziate a chiedervi che diavolo stia succedendo. Perche' se abbiamo ,2,4,6,8,10, sappiamo bene che poi seguiranno 12,14,16.... e sappiamo che divergeremo verso infinito.

Ma come diverge un trend simile? Semplice: diverge con la cancellazione di qualsiasi industria europea. QUALSIASI COSA facciate, sinche' la fed stampa soldi, potranno darvela GRATIS.

Oh, non e' un gratis davvero gratis. E' come la stampante che vi costa 20 euro e poi ogni cartuccia ne costa 40.

Ma il punto e' che questo modello "tutto gratis, e il ROI arrivera'", nel caso di industria manufatturiera, ha costi iniziali MOSTRUOSI. Che solo una banca centrale che stampi dei soldi a iosa puo' sostenere.

E' ovvio che questa situazione non puo' reggere a lungo. Prima o poi, qualche crollo eclatante svegliera' i politici che ancora non hanno capito il problema, ed i governi, ed i popoli, che ancora non hanno realizzato che il GRATIS uccide.

Sarete felicissimi di avere il vostro cellulare gratis , e di avere anche l'abbonamento gratis. Meno felici sarete perche' ad offrirvelo saranno Google e Facebook, che si rifinanzieranno vendendo i vostri dati ad NSA. E sarete ancora meno felici quando , siccome TUTTE le telco chiuderanno, rimarrete disoccupati. Sarete dei disoccupati col telefono gratis in tasca.

Sarete felicissimi quando avrete la vostra auto elettrica gratis. Sarete meno felici quando , compreso l'indotto, rimarranno a casa altri 6 milioni di lavoratori in Europa, piu' i benzinai, piu' le officine di ricambi. Ne avrete una sola. Americana. Quando l'auto si rompe lo segnala ad un sistema di "industrial internet " , che produce il pezzo e ve lo manda. Nel tempo, ve lo manderanno prima che si rompa. (http://www.ge.com/stories/industrial-internet)

Ovviamente, oltre ai vostri soldi prenderanno anche quelli del governo USA, cui l'automobile comunichera' la sua posizione, e l'identita' dell'autista e delle persone a bordo. Qualche altro miliardo non fa male.

Se non si svegliano, e oggi solo DUE leader europei sembrano aver capito il gioco (Una e' tedesca, l'altro e' francese) , non solo l' Italia, ma l'intera Europa perderanno l'intero manufatturiero, schiacciato dal "gratis" americano.

Gli americani useranno la FED come finanziatore per merci e servizi GRATIS. A questo si aggiungera' lo spionaggio che regalera' altri soldi, per avere i dati da servizi e prodotti. Questo implica, nel lungo termine, la scomparsa totale di OGNI azienda che non sia americana.

Gli americani inonderanno di servizi e prodotti GRATIS o sottocosto il mercato, al solo scopo di eliminare ogni industria e ogni grande azienda che non sia americana.

I primi a subire questa cosa sono i "Tier-1" telco. Ovviamente, l'attacco parte laddove l'abitudine al "gratis" e' forte. Ma gia' dei middle manager - con cui parlo- sono al corrente del pericolo nel mondo automotive. Qualcuno ha gia' paura nel mondo della produzione di aerei civili: gli USA vogliono essere l'unico paese con un'aereonautica.

In tutti i settori ove gli USA vogliono restare leader, si stanno concentrando i soldi stampati dalla FED, sotto forma di finanziamenti che di fatto sono a fondo perduto, il cui scopo e' di offrire prodotti e servizi GRATIS, al cui scopo ultimo c'e' la cancellazione di ogni altra industria concorrente.

Per questo e' necessario bloccare, con urgenza assoluta, l'accordo di libero scambio UE-USA. Se succedera', diventeremo tutti dei barboni col cellulare in tasca, (gratis), che cercano disperatamente un lavoro girando su un'auto (gratis) , ma non sapremo ancora come mangiare oggi. Anzi, forse per un pochino - in modo da distruggere l'agricoltura europea - vi daranno il cibo gratis, come fa Dropbox, gratis sino a due GB. Allora vi daranno cibo gratis, diciamo sino una volta a settimana. Quel tanto che basta a sopravvivere.

Inizialmente le masse gioiranno di tutta questa roba gratis, gioiranno cosi' tanto che non vedranno le fabbriche europee chiudere tutte, una ad una. Perche' McDonald's vi dara' il cibo gratis, a patto che qualcuno sappia cosa mangiate e dove e quando. Quindi , magari, all'inizio non sentirete neanche la fame.

Poi quando voi scoprirete che mangiate merda - gratis - da McDonald's , che guidate un'auto elettrica di merda - ma gratis - che vestite con vestiti riciclati - gratis - vi chiederete se per caso non potreste avere di piu'. Vedrete i ricchi del mondo che mangiano meglio, che guidano auto migliori, che vestono meglio, e allora, nella DIFFERENZA tra poveri che vivono di merda ma gratis, e ricchi che hanno tutto, capirete che non potete permettervi piu' nulla se non la merda che il convento passa gratis. Allora cercherete un lavoro per guadagnare di piu', e scoprirete che il gratis ha distrutto OGNI azienda.

C'e' qualche settore al sicuro? No.

La moda? Facile. Immaginate di produrre un vestito riciclabile, e di darvene GRATIS 4-5 esemplari ogni anno, a patto che poi torniate con lo scontrino dalla stessa azienda a restituire il vecchio e prenderne uno nuovo, diciamo a 30 euro, l'anno dopo. Risultato: i vestiti "veri" li avranno solo i ricchi, il 5% della popolazione. Su quella scala, il progetto va a break even in 6-7 anni. Richiede certo un investimento iniziale ENORME, ma poi il prezzo del vestito e' solo il costo di riciclaggio. Inoltre, qualcuno che ha un NSA ci mettera' i suoi soldi per sapere di preciso come siete vestiti, cosicche' ogni telecamera vi possa riconoscere meglio. E tutto il vostro settore "moda" collassa in pochi mesi.

Il cibo? Oh, Mc Donald's della situazione vi dara' da mangiare gratis, nel senso che vi dara' il "refill infinito": se comprate UNA VOLTA, poi avete refill infinito (come con la coca cola nei McDonald's USA), con un "renew" di 40 dollari al trimestre. A patto che torniate nello stesso negozio con lo scontrino ed un documento. In qualche anno, questo cancella ogni altro catering o industria alimentare. Incidentalmente, NSA paghera' per sapere dove mangiate, e quando, e qualche azienda di assicurazioni sanitarie paghera' per sapere cosa e quanto mangiate.
Non c'e' limite al gratis: vi possono dare l' Hotel gratis a patto che ritornate, e cancellare ogni settore turistico. Vi possono dare qualsiasi cosa, a patto che qualcuno paghi immensi costi iniziali, e poi venda le informazioni a qualcun altro che e' interessato.

Non illudetevi di essere al riparo, nessun settore lo e'. Il mondo IT lo sperimenta prima perche' e' iniziato cosi'. Ma arrivera' ovunque. Tutto cio' che fate, qualcun altro lo fara' GRATIS.

Personalmente non credo si arrivera' li', perche' vedo qualcuno ostinatamente determinato a bloccare il trattato di libero scambio, e almeno due politici che si opporranno a questo.

E credo che presto qualche telco europea fara' un grosso botto, manifestando chiaramente il problema, che oggi attacca soprattutto il mondo IT, schiacciato dal "gratis" americano.
Quando succedera', verranno prese "misure straordinarie" , e non riesco ad immaginare quali.

Mala tempora currunt.

Uriel

(1) CHIUNQUE si presenti in banca senza avere un business model, per quanto famoso, NON prende una lira. Quelle finanziarie hanno semplicemente preso quel credito di twitter, di classe junk, e lo hanno rivenduto alla FED, che ha stampato dollari per pagarlo. Il mercato non c'entra NIENTE.


*******


Primo commento: ...e poi dicono che il complottista è Blondet! La corona suprema del cospirazionista, ormai, spetta Re Fanelli; benvenuto, Maestà.

Il fatto è che il suo allarme è ben fondato perché gli deriva dalle sue esperienze di lavoro. Sono convinto anch’io che questo sta facendo la FED. Stampare dollari senza limiti per rovinare gli altri Paesi e popoli, è il gioco più facile. È la forma sofisticata di quella che si chiamava «moneta d’occupazione»: i nostri liberatori del 1945, stampando le Am-Lire che non gli costavano niente ma che noi «liberati» avevamo l’obbligo di accettare, compravano per niente ciò che avevamo prodotto col nostro lavoro.

Coi petrodollari comprano il greggio per niente. Così le merci cinesi, e i cinesi se ne accorgeranno: hanno Himalaya di dollari, che la FED deprezza a volontà stampandone altri. Il dollaro come valuta di riserva mondiale, equivale alla «moneta d’occupazione» – ovviamente globale.

Ora, che il progetto finale di asservimento sia quello descritto – o temuto – da Uriel, è più che probabile. Forse per Washington inevitabile.

Su una cosa il Faneli sbaglia: quando sostiene che «oggi solo DUE leader europei sembrano aver capito il gioco (Una e' tedesca, l'altro e' francese)», insomma la Merkel ed Hollande. Da quando lavora in Germania, questo Uriel adora la Merkel. La Merkel ed Hollande hanno protestato per lo spion aggio svergognato che il servizio americano fa sui loro telefoni, ascoltando non tanto governanti ma uomini d’affari, imprese e aziende – al chiaro scopo di rubare idee commerciali. È una protesta finta. (1)

Infatti, Angela Merkel è quella che più preme per raggiungere l’Accordo USA-UE di libero scambio: che significa sciogliere l’Europa burocratica ad egemonia tedesca, in un mercato comune americano – dove noi avremo l’obbligo di adottare le normative americane, poniamo, sugli OGM, sui vitelli gonfiati con gli estrogeni e tutte le porcate americane; dovremo accettare «il libero mercato» nella Sanità e nel sistema pensionistico (altrimenti non siamo competitivi), rinunciare ad ogni regolamentazione della finanza selvaggia come l’hanno concepita, voluta ed imposta in Usa.

Ossia assoggettare tutta la vita umana dell’Occidente alle ragioni delle rendite monetarie di Wall Street e alla sua criminalità. Anche dopo lo scandalo Datagate la Merkel punta a quello (2). E a quello arriveremo.(Usa-Ue. Merkel dice sì ad avvio trattative libero scambio)

Sì, può darsi che tra i governanti europei, e soprattutto tra gli industriali e gli amministratori delegati, corra un brivido di paura a scoprire l’immane misura dello spionaggio a cui sono sottoposti dall’alleato. Vedere come l’alleato li deruba di brevetti, idee, informazioni strategiche può essere stato, soprattutto perché lo fa’ senza scrupoli e senza infingimenti: «È per la vostra sicurezza», ci sgrida il cane da guardia della super-potenza, Cameron.

È la scoperta che l’America è ormai il super-stato canaglia, il grande criminale del mondo, ed è ormai scatenato, delinque senza limiti.

Perché dovrebbe porsi dei limiti? Bisognava fermarlo prima; già dall’11 settembre, non accettando la menzogna della versione ufficiale. Invece i nostri politici hanno taciuto quando il ministro americano ha agitato all’Onu un flaconcino pieno di talco come «prova» delle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein. Hanno dato truppe servili d’appoggio all’invasione illegale di Iraq e Afghanistan, senza dichiarazione di guerra e senza che quegli stati minacciassero gli Usa. Cari europei: avete coperto, quando non collaborato, alle torture che il superstato-canaglia faceva o vi chiedeva di fare al posto suo. Avete taciuto quando ha ammazzato persone che riteneva colpevoli di qualcosa, in tutto il mondo, colpendole dall’alto coi droni, senza processo senza giudizio e nemmeno motivazione: «Terroristi», ci assicurava, e voi ci avete creduto.

Per la «lotta al terrorismo», gli avete aperto i dati bancari di tutti i vostri cittadini, attraverso SWIFT a cui qualunque ente americano può accedere liberamente; ed ora vi scandalizzate perché vi intercettano il telefonino della Merkel?

Hanno voluto abolire la distinzione fra banche d’affari e banche commerciali – causa del crack del ’29 – e hanno voluto che fosse abolita in tutta Europa, «per legge»: e voi avete obbedito, politici, economisti, partiti di governo e d’opposizione. E come era prevedibile, s’è ripetuto il crack. E voi, zitti.

Quando hanno annunciato: «Abbiamo finalmente ammazzato Osama bin Laden e l’abbiamo sepolto in mare secondo il tradizionale rito islamico», avete bevuto anche quella. Come volete che il potere americano vi tratti? Sa di potervi far fare tutto quello che vuole.

Nel 2002, la Casa Bianca ha enunciato il suo programma criminale senza ambagi: nel documento «National Security Strategy for United States of America» (del 20 settembre), si è arrogata il diritto «all’uso della forza contro l’integrità territoriale e l’indipendenza di qualunque Stato», a suo insindacabile giudizio, considera pericoloso per i suoi interessi. E ciò, in modo «preventivo», ossia prima che la minaccia alla sicurezza Usa si concreti.

Con quest’asserzione, il superstato-canaglia ha liquidato l’ordine internazionale vigente fin dal trattato di Westfalia (1648), il più alto esito della cultura politica prodotto in Europa, lo jus publicum aeropaeum. Con quell’enunciazione, di fatto, l’America s’è svincolata dal sistema di alleanze che essa stessa aveva creato dopo la secondo guerra mondiale. Di più, da allora dichiarato ogni altro Stato «illegittimo», res nullius, terra di conquista senza diritti. Da allora la diplomazia americana non riconosce che una distinzione nel pianeta: da una parte «the US», dall’altra «rest of the world», raccorciato in sigla ROW. Una sprezzante scorciatura.

Avete accettato anche quello, politici europei. Politici? Anche voi intellettuali, politologi cittadini qualificati, opinion leaders eccetera avete accettato, fatto finta di non capire, tenuto bordone al superstato criminale. A chi cercava di avvisarvi, avete dato del complottista-antiamericano (antisemita per far buon peso), da espellere dal dibattito pubblico.

Anzi, la Merkel preme per la zona di libero scambio Usa-UE; e se la vuole lei, la vuole il governo italiano, la vuole la UE, la vogliono tutti. Dunque avrete anche l’ultimo paradiso che Uriel Fanelli ha scoperto: «Tutto Gratis». Il Paese dei Balocchi di Pinocchio, offertovi da Wall Street. Non avete più i mezzi per comprarvi lo smartphone e l’auto? Ve l’affittano, dovete solo pagare un lieve canone mensile, restare aperti alle Entità che vogliono i vostri dati personali – non è forse vero che «non avete nulla da nascondere»? Non siete terroristi, voi. Non siete evasori fiscali: e dunque, che vi intercettino pure! In cambio vi faranno avere tutto, ma non sarete più padroni di nulla.

Nel comunismo, la proprietà privata era un crimine; nell’ipercapitalismo speculativo, è una «inefficienza» sorpassata, che vi faranno passare di testa con la pubblicità: «Perché rinunciare all’ultimo modello? Ve lo diamo noi. È gratis!». Il risultato è lo stesso del comunismo: nessuna proprietà privata, significa nessuna libertà politica. Avrete tutti lo Smartphone: lo stesso. Lo stesso automezzo elettrico-ecologico. Le stesse scarpe, lo stesso vestito. Tutto americano.

È il vostro futuro.

Per i credenti: può essere l’avverarsi, in forma sorprendente e imprevista, della profezia dell’Apocalisse 13: sulla falso agnello che farà in modo che «a tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, fosse impresso sulla mano destra o sulla fronte un marchio, in modo che nessuno potesse né vendere né comprare all’infuori di coloro che portavano il marchio, cioè il nome della bestia, o il numero del suo nome».

(E adesso, pronti alla gragnuola d’insulti dell’Uriel (3). È fatto così).




1
Sulla volontà di Hollande (detto La Pera) di distanziarsi dagli americani, non è nemmeno il caso di parlare, è ridicolo. In Francia tuttavia c’è una resistenza ragionata, numerosa e sostenuta da intellettuali ed economisti contro l’euro, l’eurocrazia e gli «Stati Uniti d’Europa» - che in Germania non si è manifestata.
2) La cosa più impressionante del Datagate non è scoprire che ascoltano ed intercettano le agenzie di informazione, come Cia e NSA (dopotutto, è la loro funzione ufficiale); è che sia il corpo diplomatico americano al completo, e a tempo pieno. Hillary Clinton, da segretaria di Stato, ha dato precise istruzioni : per esempio sul captare dati informativi sui dirigenti delle Nazioni Unite, come il numero delle loro carte di credito, le loro password su internet, i loro orari di lavoro, le loro abitudini. «Sapere che un qualunque diplomatico americano che vi avvicina ha ricevuto istruzioni di procurarsi un’immagine ad alta definizione della vostra iride, o un vostro capello per fare la mappa del vostro DNA, rende ormai estremamente difficile stabilire con lui un clima di franchezza» (Paul Jorion). Susan Rice, allora ambasciatrice americana all’Onu, ha vantato pubblicamente (senza scrupoli) i risultati di questo spionaggio totale: «Mi ha aiutato a conoscere (...) la verità, a rivelare le posizioni sulle sanzioni (all’Iran. ndr) e ci ha permesso di restare un passo avanti nei negoziati». La NSA infatti ha vantato i risultati sulla rappresentanza francese all’Onu: «successi silenziosi che hanno aiutato a conformare la politica estera degli Stati Uniti».
3Come tutti i geni matematici, è alquanto sociopatico. Basti dire che sta trasferendo il suo blog su darknet, perché «il numero dei lettori è tale da risultarmi insopportabile». Specie i « post piu' visionari, quelli che mi espongono al rischio di essere giudicato un razzista, nazista, comunista, cattolico, satanista, e tutto quello che dicono di me». L’articolo che ho riprodotto, l’ha già spostato su darknet perché è stato troppo letto. Qualcosa di simile alla creatura nel racconto di Franz Kafka, «La Tana». 

Francia: l'esistenza dell'UE è minacciata dall'euro

Crisi dell'Euro sempre più grave. La Francia valuta il ritorno al franco

By Edoardo Capuano - Posted on 21 ottobre 2013
Crisi EuroTornare a franco ora, per poi rilanciare progetto tra 10 anni, dopo che l'Europa avrà costruito un'Unione Federale.
La rottura di un tabù non vuol dire necessariamente che un'azione radicale è alle porte. Ma il fatto che all'Eliseo francese abbiano iniziato a discutere dell'ipotesi di abbandonare l'area della moneta unica è sicuramente un fatto sorprendente.
In particolare di questi giorni in cui assistiamo all'ascesa nei sondaggi e nelle elezioni amministrative del candidato terzo incomodo alla presidenza nel 2017, Marine Le Pen, convinta anti europeista e protezionista, leader del Fronte Nazionale di estrema destra. Il partito considera l'euro un esperimento fallimentare e ha pronto un piano dettagliato per mettere in pratica l'uscita dal blocco a 17 e il ritorno al Franco francese.
La verità è che le richieste di imposizione di una rottura del castello di sabbia dell'Eurozona hanno raggiunto anche i piani alti dell'establishment politico, toccando il cuore delle autorità filo europeiste. Da europeo convinto lussemburgo-francese, che rinnega l'eurofobia dilagante di estrema destra, l'autore del libro “La Fin du Rêve Européen” (La fine del sogno europeo), il professor François Heisbourg, sostiene che il “cancro dell'euro” deve essere asportato dal corpo per salvare il resto del progetto dell'Unione Europea, prima che sia troppo tardi.
“Il sogno è diventato un incubo - scrive il partigiano di un'Europa federale. Dobbiamo accettare la realtà che l'esistenza dell'UE da sola è minacciata dall'euro. Gli sforzi compiuti per salvare la moneta unica stanno mettendo in pericolo l'Unione ancora di più”, se possibile.
“Non c'è niente di peggio - si legge nelle pagine del testo - che dover confrontarsi tutti i giorni con le mattine senza sole ("matins blêmes") di una crisi senza fine, ma non faremo più finta di niente negando la realtà e solo Dio sa per quanto tempo le autorità Ue in carica hanno evitato, per default, di affrontare il problema”.
Questo "rifiuto ha condannato le nostre risposte all'eterna insufficienza davanti alla crisi", si legge nell'introduzione del libro. "Accoglieremo la fine del sogno e il ritorno al reale, non come un disastro, ma come una sfida da superare".
Prima o poi, scrive Heisbourg, i leader europei dovranno rilanciare il progetto dell'euro, probabilmente tra 10 anni, ma solo dopo aver stabilito le fondazioni federaliste necessarie e solo tra chi sarà disposto ad accettare tutte le implicazioni che si porta con sé la costituzione di una moneta federale.
Il difficile però sarà convincere i cittadini a credere in un'iniziativa che, anche se con condizioni diverse, la prima volta si è rivelata fallimentare.
Adesso, complice anche la crisi del debito, le istituzioni e nazioni non sono pronte. C'è un motivo per non sottovalutare il fatto che la Francia incominci a parlare di un'ipotesi simile: è un segnale di un discontento crescente nei confronti delle politiche messe in moto dalla Germania.
L'alleanza franco tedesca è la colonna portante dell'Eurozona. Se dovesse venire meno, l'euro non avrebbe un futuro.
Il professor Heisbourg è un insider dell'Eliseo, un prodotto del Quai d'Orsay e un federalista europeo, da tempo immemore favorevole al progetto di un'area della moneta unica. Al momento presiede il seguito e rinomato Istituto Internazionale per gli Studi Strategici (IISS).
Clicca qui per guardare il video inerente alle considerazioni del professor François Heisbourg.

EURO-GOLPE: Saccomanni e lotta al contante

Saccomanni e lotta al contante: risparmiatori e lavoratori sacrificati alle banche
di Marco Della Luna - 01/11/2013
Fonte: marcodellaluna 

  
        Nei secoli passati, i saccomanni erano i razziatori dei campi di battaglia, che, dopo la fine dei combattimenti, andavano a spogliare feriti e caduti dei loro oggetti di valore. Prima, questo vocabolo designava i furieri, gli addetti alle salmerie; poi però, nel tempo, si trovò ad esso si addiceva maggiormente il significato di “predatori”. 

S.E. il ministro Fabrizio Saccomanni, con tutto il rispetto, absitque iniuria verbis, è fiduciario dei banchieri nostrani, dato che viene dall’ABI, Associazione Bancaria Italiana, già presieduta dal noto Mussari, accusato, assieme ad altri, di aver “svuotato” il MPS dei suoi soldi pagando Antonveneta un multiplo del suo valore.

In tutto il mondo “democratico”, il  contrasto di interessi dei banchieri  rispetto alla popolazione  è il dato emergente dai disastri economici-finanziari degli ultimi anni, causati dagli azzardi, dalle speculazioni e dalle mega-frodi della grande finanza (quella che socializza le sue perdite e ultimamente sceglie i capi di governo che la aiutano a fare questa socializzazione – vedi MES).

Fabrizio Saccomanni preme per proibire i pagamenti in contanti, che sono già proibiti sopra i 999 euro, ma a Saccomanni non basta, vuole abbassare ancora il tetto, dicendo che obbligare a pagare con strumenti bancari aiuterebbe a ridurre l’evasione.

Qualcuno, con spirito pratico, gli obietta che, invece, scoraggiare l’uso del contante imponendo l’uso della carta di credito (che ha un costo, e che non tutti possono ottenere) scoraggia i consumi, quindi riduce la domanda aggregata e produce ulteriore recessione. Peraltro, è palese che, evasione o non evasione, gli italiani già ora pagano più tasse di tutti, e che se tutte queste tasse non bastano, è perché quelli che le mettono e le raccolgono – politici, amministratori, burocrati – sono (salve le poche eccezioni) una masnada di ladri incapaci, sicché anche se si eliminasse l’evasione senza eliminare loro, la situazione non migliorerebbe affatto, anzi peggiorerebbe.

Io aggiungo: in Italia e in tutta l’Eurozona, in forza del Trattato di Maastricht, vi è una sola valuta legale, ossia quella emessa in via esclusiva dalla BCE e dalla Banca d’Italia: il contante, le banconote. Le altre forme di moneta  – assegni, bonifici, carte di credito/debito – sono moneta (lecita, convenzionale, ma) non legale, non primaria, creata da soggetti diversi dalla BCE. Quindi il proibire o limitare l’uso della moneta legale, è illegale, contraddittorio, antinomico. Idem l’imporre per legge l’uso di monete non legali. 

E osservo: l’imporre l’uso della moneta non-legale, bancaria, è un favore che si fa ai banchieri, nemici della società, perché essi lucrano le commissioni, perché essi così incamerano dati commercialmente utili sulla vita della gente, e perché il cittadino in tal modo è praticamente spinto ad affidare il suo contante alla banca, la quale quindi acquisisce la proprietà e la disponibilità delle banconote, cioè della moneta primaria, high power money, dal cittadino, a costo zero, anziché pagandola alla banca centrale o ad altre banche.

Ma non solo. Le banche italiane, complessivamente, sono in grave pericolo di crisi di liquidità. Dichiarano circa 140 miliardi di crediti inesigibili, ma i crediti inesigibili sono molti di più, perché le banche, con vari espedienti, non dichiarano in bilancio molti ulteriori crediti inesigibili (contenzioso sommerso), siccome non hanno i soldi liquidi che sarebbero necessari per costituire i fondi di svalutazione credito implicati da tali registrazioni in bilancio.

E Draghi ha detto ultimamente che l’anno prossimo la BCE eseguirà sulle banche stress test severi, e che non sarà indulgente; quindi potrebbero saltar fuori quelle scomode verità, e le banche italiane allora dovrebbero essere salvate – anche questo si dice da tempo – con un bail-in, ossia coi soldi non dello Stato o di altre banche, ma degli azionisti, degli obbligazionisti e dei risparmiatori-depositanti, come già fatto a Cipro. Quindi i banchieri hanno interesse a che la “legge” imponga ai cittadini di non usare il denaro contante nelle loro transazioni, e renda difficile, nonché pericoloso fiscalmente, sia ritirare che depositare il contante, in modo che, se non altro per ragioni pratiche e per paura di segnalazioni al fisco, i cittadini siano indotti a lasciare i loro soldi in banca e a pagare attraverso di essa anziché per contanti!  In tal modo, quando arriverà il bail-in, i banchieri potranno colmare coi nostri soldi i buchi scavati dalle loro truffe.           

Ma c’è di più: tali misure restrittive anti-contante, che forzano la gente a usare come moneta solo quella privata, contabile, putativa emessa dai banchieri in via creditizia, finiscono per imporre questa moneta dei banchieri al posto e in sostituzione della moneta legale, un tempo pubblica e ora semi pubblica, e sopprimendo il diritto a usare quest’ultima, realizzano nel tempo un vero atto di usurpazione e colpo di Stato economico-finanziario.

EURO-GOLPE ad alta intensità

Il colpo di Stato di banche e governi
di Luciano Gallino - 01/11/2013

Fonte: einaudi

L'ultimo libro di Luciano Gallino, un appassionano grido d'allarme contro l'"attacco alla democrazia" in corso in Europa.



I governi europei hanno risposto alla crisi in due modi: camuffandone le cause (attribuite all'eccessivo debito degli Stati anziché ad un sistema bancario fuori controllo) e imboccando la strada dell'autoritarismo emergenziale. Ma qual era il loro obiettivo? Lo spiega l'ultimo libro di Luciano Gallino "Il colpo di stato di banche e governi" (Einaudi), un appassionano grido d'allarme contro l'"attacco alla democrazia" in corso in Europa. Per gentile concessione dell'editore ne anticipiamo un estratto. 

Dal 2010 in poi, e intervenuto nei Paesi dell'Unione europea un paradosso: i milioni di vittime della crisi si sono visti richiedere perentoriamente dai loro governi di pagare i danni che essa ha provocato, dai quali proprio loro sono stati colpiti su larga scala. Il paradosso è una catena che comprende diversi anelli. (...)

Se ci si chiede come una simile paradossale concatenazione di decisioni e di eventi sia stata possibile, vien fatto di pensare sulle prime a una colossale serie di errori commessa dai governi Ue. In effetti bisogna essere piuttosto ottusi in tema di politiche economiche per credere di poter rimediare alla crisi ponendo in essere, nel pieno corso di questa, robusti interventi dagli effetti recessivi affatto certi. Ciò nonostante, sebbene l'ottusità economica di parecchi governanti Ue sia fuor di dubbio, sarebbe far torto ai loro stuoli di consiglieri e funzionari supporre che non siano riusciti a far comprendere a ministri e presidenti del Consiglio e capi di Stato che l'austerità, nella situazione data, era una ricetta suicida dal punto di vista economico, se non anche da quello politico. 

In realtà i governanti europei sapevano e sanno benissimo che le loro politiche di austerità stanno generando recessioni di lunga durata. Ma il compito che e stato affidato loro dalla classe dominante, di cui sono una frazione rappresentativa, non e certo quello di risanare l'economia. E piuttosto quello di proseguire con ogni mezzo la redistribuzione del reddito, della ricchezza e del potere politico dal basso verso l'alto in corso da oltre trent'anni. Essa e stata messa in pericolo dal fallimento delle politiche economiche fondate sull'espansione senza limiti del debito e della creazione di denaro privato a opera delle banche, diventato palese con l'esplosione della crisi finanziaria nel 2007. 

I cittadini della Ue, al pari di quelli Usa, hanno già sopportato pesanti oneri prima per il processo di espropriazione cui sono stati sottoposti, in seguito per le conseguenze dirette della crisi. I loro governi debbono aver pensato che difficilmente avrebbero sopportato senza opposizione alcuna altri costi sociali e personali, sotto forma di smantellamento dei sistemi di protezione sociale e di peggioramento delle condizioni di lavoro di cui hanno goduto per almeno due generazioni. Però questo è l'ultimo territorio da conquistare per poter proseguire nel drenaggio delle risorse dal basso in alto. Esso è formato dalle migliaia di miliardi spesi ogni anno per i suddetti sistemi - gran parte dei quali, a cominciare dalle pensioni, rappresenta salario differito, non elargizioni da parte dello Stato. 

I governi Ue hanno quindi posto in opera, al fine di ottenere che la classe da essi rappresentata possa proseguire senza troppi ostacoli la distribuzione dal basso in alto, due strategie che si sono rivelate negli anni post-2010 assai efficaci. 
La prima è consistita, come ricordato sopra, nel camuffare la crisi come se questa volta non avesse origini nel sistema bancario, bensì fosse dovuta al debito eccessivo degli Stati, provocato a loro dire dall'eccessiva spesa sociale. In secondo luogo, nella previsione che tale schema interpretativo non fosse sufficiente per tenere mogi i cittadini, hanno imboccato la strada dell'autoritarismo emergenziale. Cosi come in caso di guerra non si tengono elezioni per stabilire chi e come debba razionare i viveri, di fronte all'emergenza denominata "debito eccessivo dei bilanci pubblici" le misure da intraprendere per sopravvivere sono concepite da ristretti organi centrali: a partire dal Consiglio europeo, formato dai capi di Stato o di governo degli Stati membri. Ai suoi lavori collaborano la Commissione europea (il cui presidente fa parte del Consiglio) e la Bce. Inoltre godono dell'apporto esterno del Fondo monetario internazionale (Fmi). Le misure da prendere sono poi messe a punto dalla Troika costituita da Commissione, Bce e Fmi e inviate ai rispettivi Parlamenti per l'approvazione. 

Cosi è avvenuto per molti documenti: il memorandum inviato alla Grecia; il pacchetto di misure - mirate espressamente a smantellare lo stato sociale - chiamato Euro Plus; il cosiddetto "patto fiscale" ovvero Trattato sulla stabilita ecc.; la creazione del Meccanismo europeo di stabilità. Essendo l'approvazione "chiesta dall'Europa", i Parlamenti obbediscono, come è costretto a fare un organo politico in situazione di emergenza. Sono i governi a comandare. 

Mediante codesto processo che è guidato a livello Ue da poche dozzine di persone, la democrazia nell'Unione appare in corso di rapido svuotamento. Persino il Trattato della Ue, nel quale il concreto esercizio della democrazia riceve assai meno attenzione del libero mercato e della concorrenza, appare aggirato sotto il profilo legale e costituzionale dai dispositivi autoritari messi in atto di recente dai governi e dalla Troika. 

Alle centinaia di milioni di cittadini della Ue, ciò che quel ristretto gruppo decide e presentato come alternativlos, cioè privo di qualsiasi alternativa: pena, minacciano i governi, il crollo dell'euro, dei bilanci sovrani, dell'intera economia europea. 
Posti dinanzi a simili minacce, che i media ripropongono ogni giorno a tamburo battente, i cittadini degli Stati cardine della Ue hanno finora subito si può dire a capo chino gli interventi dell'autoritarismo emergenziale dei loro governi e della Troika di Bruxelles, sebbene esso stia assumendo sempre più il profilo di un colpo di Stato a rate.

Chiudete la Bocconi. Mandateli a lavorare nei campi

Chiudete la Bocconi e mandateli a lavorare nei campi
di Danilo Verticelli - 01/11/2013
Fonte: vocidallestero.blogspot.it 

  
   Fuori dall'Euro. E' talmente semplice, banale, immediato che occorrono centinaia di grafici per cercare di dimostrare il contrario. Le economie di Paesi legati ad altre valute (tutte "fiat" quindi virtuali e inesistenti di fatto) sono floride (e non parlo solo dei cosiddetti BRICS) perchè non seguono il Dollaro, la FED e la sua cupola.

Non cito economisti di prestigio, perché non credo nell'Economia come Scienza. L'economia è uno strumento di inganno e truffa. Period.

Ma ce ne sono eccome. E l'andamento schizofrenico del prezzo dell'oro la dice lunga su come a breve si tornerà a al cambio contro oro e ai tentativi di non farlo capire.
L'Italia ha la quarta riserva aurea del mondo. In tale scenario avrebbe la quarta più solida moneta del mondo.

Certamente, dopo che collaborazionisti come Andreatta, Ciampi, Prodi, Berlusconi, D'Alema, Monti, Letta e i dipendenti del Potere-che-è (si legga comitato dei Trecento e la sua emanazione Bilderberg), ottemperando al piano della P2 (il quale a sua volta somiglia tanto ai famigerati Protocolli di Sion, falsi o veri che siano, ma sempre del 1921) hanno smantellato pezzo per pezzo ogni capacità produttiva locale con la scusa della globalità, dell'Europa, del "mercato".

Ecco. Mercato. Una parola in bocca ad ognuno di noi, una panacea per spiegare qualsiasi losco meccanismo abilmente pilotato dalle cento corporation che governano il mondo. Unito a qualche informazioncina che la NSA forniva al "mercato" stesso (o a una parte di esso) e a qualche appalto confezionato ad hoc provocando guerre e malumori locali, tutto ciò è il "mercato". Ovvero quel che si crede essere un luogo di libertà dove prevalgono le eccellenze e invece è solo un'arena dove si portano in pasto ai leoni (i soliti da secoli) le vittime sacrificali che non appartengono agli interessi dell'élite. 

E stiamo ancora pubblicando grafici? Mi ricordano le "grida manzoniane", le leggi complesse e articolate che servono per metterlo in tasca alla logica comune (la fotografia dell'Italia attuale). 

Non importa cosa dicono i grafici. ciò che importa è la nostra coscienza e la capacità di riacquisire un criterio di giudizio personale che vada in culo ai tecnici ed ai cosiddetti "professori", a stipendio delle multinazionali e delle mafie economiche.

Chiudete la Bocconi. Mandateli a lavorare nei campi e così avranno un quadro efficace dell'andamento dell'economia: dal produttore al consumatore.

Io c'ero con la Lira e ci sono con l'Euro. Rispetto ai tempi del terrorismo e del rischio atomico, dei blocchi contrapposti, oggi abbiamo una risorsa in più che è l'economia asiatica. E nonostante questo, che allora non c'era, viviamo come servi impoveriti e senza alcuna speranza reale e futuribile di miglioramento.

Se non basta questo a capire che l'Euro è una truffa del regime massonico mondiale cosa altro ci vuole? Una mazza da baseball nei denti ? 

Danilo Verticelli (Commento all’articolo del “Telegraph: La velata minaccia di Mediobanca su un'uscita italiana dall'euro”)